Geofono 3D

Lo strumento si compone di tre sensori (geofoni con frequenza naturale pari a 4.5 o 10 Hz) montati ortogonalmente tra loro in un contenitore metallico (alluminio pressofuso) che può essere predisposto per l’installazione a muro o a pavimento. Lo strumento è stato progettato per misurare la presenza di vibrazioni su 3 assi con frequenza tra 10 e 250 Hz. Lo strumento consente di verificare l’eventuale  superamento dei limiti di soglia di vibrazione in manufatti interessati da lavori di scavo con esplosivo o con altri mezzi. Tali limiti fanno riferimento alle norme italiane (UNI 9916). Il geofono 3D può consentire anche lo studio ed il controllo degli effetti delle attività antropiche (traffico, manifestazioni di pubblico), di fenomeni naturali (vento) o di altro su strutture architettoniche antiche e/o particolarmente sensibili.

Su richiesta è disponibile anche il  modello equalizzato G1-3DE

 


DOCUMENTAZIONE:

 


ARTICOLI CORRELATI:

Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi